Ascolta il tuo cuore per salvare il tuo cervello 2019 …come riconoscere con gesti semplici la fibrillazione atriale torna sabato 22 giugno, dalle 9.30 alle 13 in Piazza Savonarola a Ferrara

Nel mese dedicato all’Ictus, torna come ogni anno a Ferrara la campagna di informazione e prevenzione promossa da A.L.I.Ce Emilia Romagna, volta a sensibilizzare la popolazione sull’importanza della prevenzione dell’ictus cerebrale.

Sabato 22 Giugno a Ferrara, in Piazza Savonarola dalle ore 9.30 alle ore 13 medici specializzati Cardiologi e Neurologi dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Sant’Anna di Ferrara, in collaborazione con i volontari dell’Associazione ed a personale infermieristico, saranno a disposizione dei cittadini per effettuare gratuitamente, a quanti lo richiedessero, uno screening sui alcuni parametri, come la misurazione della Pressione Arteriosa, la rilevazione di un’eventuale anomalia del ritmo cardiaco, analisi della flessibilità della condizione Arteriosa e la rilevazione della Fibrillazione Atriale, al termine verrà rilasciato un documento che potrà essere consegnato (a discrezione dell’interessato) al medico di famiglia.

Grazie alla collaborazione con i Cardiologi del progetto Ferrara Città della Prevenzione verrà valutato il ritmo cardiaco anche con il Rhythmpad, una tavoletta grazie alla quale è possibile ottenere, appoggiandovi le mani sopra per 30 secondi, un’analisi rapida del ritmo cardiaco per scoprire un’eventuale aritmia come la fibrillazione atriale, importante fattore di rischio per l’ictus cerebrale.”

La verifica della Fibrillazione Atriale è inoltre un fondamentale supporto per il Medico di Base che potrà così attuare quanto in suo possesso per effettuare i migliori trattamenti.

Attraverso semplici gesti chiunque può imparare a conoscere e prevenire uno dei maggiori fattori di rischio di ICTUS: LA FIBRILLAZIONE ATRIALE, il più comune disordine del ritmo cardiaco ed il più importante FATTORE di RISCHIO per l’ICTUS. I pazienti con fattore FIBRILLAZIONE ATRIALE hanno fattore di rischio Ictus 5 volte superiore a quelli che non hanno fibrillazione atriale.

Terza causa di morte, prima di invalidità e seconda di demenza, l’ictus cerebrale è una malattia grave e disabilitante che colpisce ogni anno nel mondo circa 15 milioni di persone e nel nostro Paese circa 150.000; quelle che sono sopravvissute, con esiti più o meno invalidanti, sono oggi almeno 800.000. Fondamentale per la prevenzione è la adeguata consapevolezza da parte dei cittadini dei fattori di rischio che da soli o, ancora di più, in combinazione tra di loro aumentano la possibilità di incorrere in un ictus: ipertensione arteriosa, obesità, diabete, fumo, sedentarietà ed alcune anomalie cardiache e vascolari. Le nuove terapie della fase acuta (trombolisi e trombectomia meccanica) possono evitare del tutto o migliorare spesso in modo sorprendente questi esiti, ma la loro applicazione rimane a tutt’oggi molto limitata per una serie di motivi. I principali sono rappresentati dalla scarsa consapevolezza dei sintomi da parte della popolazione, dal conseguente ritardo con cui chiama il 118 e quindi arriva negli ospedali idonei, dal il ritardo intra-ospedaliero e, infine, dalla mancanza di reti ospedaliere appropriatamente organizzate.

Con il Patrocinio di: AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA di FERRARA – AZIENDA SANITARIA LOCALE FERRARA– COMUNE di FERRARA ASSESSORATO ALLA SANITA’- e con la collaborazione di VOGHIERA SOCCORSO  e  Ospedale Privato Accreditato QUISISANA

>>> ascolta il tuo cuore per salvare il tuo cervello 2019 A3