21-03-2018 – Iscrizioni aperte ai laboratori per imparare a scoprire percorsi e soluzioni nelle esperienze difficili. Partecipa anche al singolo appuntamento: i prossimi sono in programma a Ferrara giovedì 5 e 19 aprile

La settima edizione dei laboratori sulle emozioni, immagine di sé, obiettivi nelle esperienze difficili organizzati dall’Associazione Non Più Soli, impegnata da molti anni nella diffusione della cultura della salute mentale, si articola in sette appuntamenti che si terranno a Ferrara presso la Casa del Volontariato in via Ravenna 52, dalle 16 alle 18, giovedì 22 marzo, 5 e 19 aprile, 24 e 31 maggio, 18 e 25 ottobre.

Ogni laboratorio è un momento esperienziale di condivisione e confronto. Puoi seguire tutto il canedario dei laboratori ma anche partecipare al singolo incontro in calendario!

I laboratori sono a partecipazione gratuita ma è necessario iscriversi on line oppure contattarci allo 0532.205688 – segreteria@agiresociale.it

ISCRIVITI ON LINE
SCARICA IL VOLANTINO: 1-Laboratori 2018_Copparo – Ferrara_Associazione Non Più Soli

I laboratori si rivolgono a chi vuole approfondire i meccanismi del pensiero e comprendere insieme al gruppo come funzionano i comportamenti legati alle emozioni per fare esperienza di ascolto partecipe, mettendosi in gioco per migliorare la consapevolezza di sé e delle proprie relazioni con gli altri. Sarà condivisa una mappa di parole chiave che aprono e chiudono le nostre relazioni con gli altri, fino alla “ricostruzione” di un vocabolario del pensiero, alla scoperta di un linguaggio più chiaro a partire dai nostri vissuti quotidiani.

Il docente del percorso formativo, in collaborazione con L’Università del Volontariato di Ferrara, Agire Sociale e la Rete locale delle realtà di auto mutuo aiuto, sarà Giovanni Ruviero, medico psichiatra, che faciliterà il confronto tra i partecipanti su diversi obiettivi come imparare il linguaggio del pensiero per aprire percorsi e soluzioni, il punto di vista per creare interpretazioni uniche o molteplici, imparare le parole chiave per raccontarsi nella sofferenza, aiutare a scoprire percorsi nuovi attraverso i punti di forza e debolezza, infine valutare insieme i risultati nei sette laboratori per proporre cambiamenti nell’edizione 2019.