Ferrara – L’iniziativa fa parte del progetto della Casa editrice Giulio Einaudi di Bologna che fa incontrare i lettori con i segreti dell’opera

“Perchè Lorenzo, Roberto, Ivan e Anto, 18 anni, unici 4 maschi della classe V C, decidono di sparire, rinunciare alla vita normale, economicamente agiata, per raggiungere il confine siriano, verso il terrore di una realtà percepita a distanza attraverso video di propaganda online? Cosa li spinge a credere che una comunità jihadista, molto più simile a una caserma che a un campus, possa dare nuovo senso alla loro esistenza?”

Cercheranno di capire e trovare le risposte, gli studenti-lettori di Via Savonarola 32, la mattina di Sabato 10 Febbraio, quando potranno rivolgere all’autore stesso, Giorgio Scianna,  le domande nate dalla lettura del romanzo  La regola dei pesci.

Nato nel 1964 a Pavia, dove vive, lo scrittore guarda con occhi particolarmente illuminati la realtà che ci circonda. I suoi romanzi, infatti, indagano prevalentemente il mondo contemporaneo, mettendo in scena personaggi che ci aiutano a interpretare il nostro tempo con un occhio privilegiato sull’adolescenza. Per Einaudi ha pubblicato i romanzi Fai di te la notte (2007), vincitore del Premio Comisso, Diciotto secondi prima dell’alba (2010), Qualcosa c’inventeremo (2014) e La regola dei pesci (2017). Cura una rubrica periodica su «Linus».

La realizzazione del progetto, nato su proposta di Teresa Mondini, della Casa Editrice Giulio Einaudi di Bologna, vede la partecipazione e collaborazione delle classi Ia P, IIa P e IIa T dell’ Istituto d’Istruzione Superiore L. Einaudi di Ferrara, coordinate dalle docenti Annalisa Casalati e Maria Grazia Tagliati e degli allievi della IIIa P del Liceo Dosso Dossi, guidati dall’insegnante Adriana Di Pietro.